Leggi i quesiti / suggerimenti

Sono presenti 1300 messaggi.



Elenco dei suggerimenti pubblicati
Data Nickname Suggerimento
22/03/2010 11:50morigifRicevo una fattura di merce dal fonitore nella quale sono inserite anche le spese a parte di trasporto, come mi devo comportare? Compilo solo l'intra acquisti merci o devo diversificare gli importi nei listing merci e servizi?? Grazie
22/03/2010 11:47annaIn base al D.lgs.18/2010 che modifica il DPR 633/72, dal 20 febbraio scorso il rappresentante fiscale (italiano) di una società estera avente sede legale in uno stato intracomunitario (che è lo stato da cui arriva anche la merce acquistata) emette fatture per conto di quest'ultima senza applicare l'IVA (ai sensi del modificato art.17 c.2 DPR 633/72). Pertanto fino a tale data l'IVA veniva indicata in fattura e gli obblighi erano assolti direttamente dal rappr.fiscale, ora invece sarà l'acquirente (ovviamente sto parlando di acquirente nazionale) a dover assolvere tali obblighi attraverso il meccanismo dell'inversione contabile. Cio` premesso, ecco le mie domande: 1) l'acquirente dovrà indicare o meno in Intrastat tali acquisti visto che ora è soggetto al meccanismo del reverse charge come se acquistasse direttamente dal soggetto estero nonostante sia il rappresentante fiscale ad emettere fattura e nonostante in precedenza per le fatture emesse dal rappresentante fiscale (già comprensive di IVA) non era invece necessario farlo? 2) se SI, sul modello si dovrà indicare la P.IVA del rappresentante fiscale o della società estera? Tenere presente che nell'intestazione della fattura la partita iva della società straniera neppure compare (di quest'ultima sono presenti solo la denominazione e la sede legale mentre è indicata la P.IVA del rappresentante fiscale italiano oltre ovviamente gli altri dati anagrafici del medesimo). 3) avendo il rappresentante fiscale fatturato applicando l'IVA fino al 20 di febbraio, stando ai chiarimenti prodotti dall'Agenzia delle Entrate, l'acquirente non incorrerà in sanzioni avendo detratto tale IVA. Nel caso tuttavia la risposta alla prima mia domanda fosse affermativa, sarà necessario produrre dichiarazione Intrastat anche per le fatture d'acquisto che il rappresentante fiscale ha emesso nel periodo 1/1/2010 - 20/02/2010 sebbene comprensive di IVA? 4)
22/03/2010 11:47morigifNel caso di INTRA servizi ricevuti da prestatori Europei nel modello va indicato il paese di pagamento. Chiedo, nel caso di bonifico bancario dall'Italia, verso il prestatore europeo, che cosa va indicato nel campo 'paese di pagamento' (L'Italia da cui parte il bonifico o il paese europeo nel quale risiede il beneficiario) ? Grazie
22/03/2010 11:47crialex77Come ci si deve comportare per i servizi che sono registrati in contabilità tramite autofattura il mese successivo a quello in cui il servizio è addebitato dal fornitore comunitario? In teoria avrei tempo per l'emissione dell'autofattura entro il termine del pagamento, quindi se ho emesso l'autofattura ad esempio il 15/03 per un servizio addebitatomi il 28/2 la mia contabilità è corretta. Tuttavia il programma Intraweb non mi consente di caricare tale servizio nell'intra-acquisti di febbraio a causa della data dell'autofattura che è appunto marzo. E' dunque corretto considerare il servizio ai fini Intra al momento del pagamento anziché alla data di ultimazione del servizio?
22/03/2010 11:44STEFYCon rifermiento ai servizi acquisiti compresi nell'art.7 comma 4 si chiede se sia necessario comunque emettere l'autofattura senza addebito di I.V.A. oppure possano essere trattati conme gli anni precedenti