Leggi i quesiti / suggerimenti

Sono presenti 1300 messaggi.



Elenco dei suggerimenti pubblicati
Data Nickname Suggerimento
19/03/2010 18:33Alessandro69Nel programma intraweb devo inserire oltre a delle normali cessioni intracomunitarie una rettifica a delle cessioni effettuate nel 2008 e 2007, tuttavia la procedura non mi permette di eseguire tale operazioni in quanto mi avvisa che le nomenclature per quegli anni non sono gestite dal software; esiste un modo per estenderle altrimenti non posso chiudere l'intra. Chiedo poi se non si possa: 1. togliere la gestione dei progressivi degli invii; sarebbe a mio avviso più logico ed opportuno che sia il sistema a darli e non l'utente a doverli gestire, un po' come avviene per le dichiarazioni con entratel, quando metto il mese o trimestre non è già sufficiente? Ho avuto un sacco di INTRA scartati con il codice 002 - elenco già presentato e il supporto tecnico mi ha più volte suggerito di mettere numeri a caso molto alti, a questo punto mi chiedo che senso abbiano quei numeri se suggerite di metterli con questo criterio, tanto vale toglierli (ovviamente non mi sto riferendo al numero di protocollo che poi il sistema attribuisce all'intra). 2. le ricevute che rilascia il sistema sono veramente pessime, non si capisce nulla. Auspico ad una ricevuta simile per contenuti e chiarezza a quella di Entratel. 3. Tutta la procedura di attivazione e di uso della piattaforma non è user friendly. Parecchie ditte nostre clienti hanno avuto problemi di incompatibilità con i browser soprattutto di ultima generazione. L'intera attivazione all'ambiente reale poi richiede un livello di informatizzazione non sempre riscontrabile all'interno delle aziende. 4. Il servizio di supporto tecnico è insufficiente a coprire le nostre richieste di assistenza. Le linee sono praticamente sempre occupate e diventa difficile se non impossibile parlare con gli operatori. Mi rendo conto che il servizio reso obbligatorio è partito da poco tempo e c'è il paracadute fino a luglio, però a mio avviso si potevano gestire le cose diversamente.
19/03/2010 18:32AlexVorrei un chiarimento in merito all'applicazione dell'art.7 sexiest nel caso B2B in cui un committente italiano acquista mezzo internet un back-up da un fornitore extra-cee, il committente italiano si deve autofatturare in base alla regola generale dell'art.7 ter, apllicando aliquota IVA 20% oppure art. 9 c.2? Se il commitente italiano "rivende" ad un proprio cliente CEE/ITA lo spazio acquistato, la vendita sconta IVA 20%, oppure art. 7 visto che il sito in cui verranno allocati i dati del back-up si trova al di fuori della CEE?
19/03/2010 18:29FELVINNel caso di INTRA servizi ricevuti da prestatori Europei nel modello va indicato il paese di pagamento. Chiedo, nel caso di bonifico bancario dall'Italia, verso il prestatore europeo, che cosa va indicato nel campo 'paese di pagamento' (L'Italia da cui parte il bonifico o il paese europeo nel quale risiede il beneficiario) ? Grazie
19/03/2010 18:25FELVINPiù che un quesito o un suggerimento è una critica, alla bizzarra gestione delle rettifiche nel caso di servizi. Visto che già esisteva un sistema di comportamento codificato per i beni, nel quale la rettifica si indica come tale con il suo segno, è strano pensare di indicare per i servizi, non la rettifica ma il valore dell'operazione considerando sia quello già inviato e sia la sua rettifica in questione. Questo sistema rende differente il valore contabile della registrazione acquisti con la riga del modello INTRA rettifica servizi. Non so il vantaggio per le DOGANE ?! Scusatemi
19/03/2010 18:19FELVINNella circolare 14/E è spiegato che il numero documento e la data, da indicare nell'INTRA servizi è quello del committente intaliano. Non si capisce però se si parla della registrazione acquisti o della registrazione dell'autofattura fra le vendite. Grazie