Leggi i quesiti / suggerimenti

Sono presenti 1300 messaggi.



Elenco dei suggerimenti pubblicati
Data Nickname Suggerimento
19/03/2010 15:02RITAP9un direttore di orchestra effettua delle prestazioni ( che rientrano nelle deroghe dell'art. 7 quinquies). Quando queste prestazioni sono in ITALIA ovviamente applica l'iva Italiana per qualsiasi tipoligia di committente ( IT o UE), ma quando effettua la prestazione in uno stato comunitario es. FRANCIA per un committente FRANCESE la sua fattura sarà emessa "non soggetta art.7 quinquies" e il suo committente, soggetto passivo d'imposta provvederà mediante il reverse charge ad applicare l'iva ? ( questo è ciò che ho letto sulle dispense di Santacroce). In tal caso devo inserire la fattura in intrastat ? Ho anche molti casi contrari di Teatri che ricevono fatture di prestazioni e che mi chiedono se devono integrarle e effettuare l'intrastat ...
19/03/2010 14:59Mario1949Il soggetto nazionale che riceve ora da un soggetto comunitario una fattura per provvigioni datata 30 dicembre 2009 e relativa a intermediazioni effettuate nel 2009 emette autofattura con I.V.A. italiana. Deve anche includere la stessa nel modello Intrastat dei servizi ricevuti? Grazie in anticipo Mario1949
19/03/2010 14:56GILUn'azienda che acquista da un soggetto non residente beni esistenti sul territorio italiano può, come per le prestazioni di servizi, effettuare il "reverse charge" mediante integrazione della fattura ricevuta dal fornitore in alternativa all'autofatturazione?
19/03/2010 14:50StellaCome si registra sugli elenchi intrastat una nota di accredito relativa ad una fattura dello stesso periodo (per es.nota di accredito con data febbraio relativa ad una fattura con data febbraio)? E se la nota di accredito si riferisce ad una fattura del mese precedente?
19/03/2010 14:50stefygbIN QUALITA' DI SOGGETTO PASSIVO RESIDENTE NELLO STATO, RICEVIAMO FATTURE DA AGENTE STABILITO IN GRAN BRETAGNA MA NON IN POSSESSO DI PARTITA IVA FATTURE PER PROVVIGIONI SU VENDITE A CLIENTI CON SEDE IN GRAN BRETAGNA. IN QUALITA' DI COMMITTENTI EMETTIAMO AUTOFATTURA MA NON PROCEDIAMO ALL' INSERIMENTO NEGLI ELENCHI INTRA IN QUANTO MANCANTE DELLA PARTITA IVA. E' CORRETTO ? DOVENDO ADDEBITARE AL SUDDETTO AGENTE NON IN POSSESSO DI PARTITA IVA SPESE DI TRASPORTO PER MERCE RESA DA CLIENTE CON SEDE IN GRAN BRETAGNA E DA NOI PAGATE CON REGOLARE FATTURA ASSOGGETATA AD IVA A TRASPORTATORE CON SEDE NELLO STATO , COME DOVRA' ESSERE EMESSO IL DOCUMENTO DI ADDEBITO CON IVA O IN ESENZIONE ?