Leggi i quesiti / suggerimenti

Sono presenti 1300 messaggi.



Elenco dei suggerimenti pubblicati
Data Nickname Suggerimento
26/03/2010 11:48GiovannaBuongiorno, in merito alle intermediazioni CEE ed alla territorialita' chiedo: nel caso di agente italiano e committente CEE l'operazione di intermediazione genera plafond? E' rilevante il fatto che la merce oggetto di intermediazione sia trasferita da uno stato estero CEE ad un altro stato estero CEE? (ad es. agente italiano e committente tedesco con merce intermediata che passa dalla Germania all'Austria). Mi servirebbe la risposta sia in riferimento agli anni 2008 2009 che al 2010 con la nuova normativa sulla territorialita' di imposta. Dal 2010 l'articola da applicare e' il 7 ter? Grazie buona giornata Giovanna Colombo
26/03/2010 11:46gabrasUna SocietÓ che svolge servizi di handling aeroportuale fino al 31/12/09 ha fatturato le sue prestazioni a norma dell'art. 9, n. 6 del DPR 633/72. Alla luce delle nuove disposizioni potrÓ continuare ad emettere le fatture secondo questo articolo trattandoisi di un regime "speciale", il ci˛ anche ai fini del calcolo del plafond disponibile, oppure dovrÓ distinguere la condizione del suo committente e quindi applicare nei casi previsti anche l'art. 7 escludendo tali fatture dal calcolo del plafond. Grazie
26/03/2010 11:44urbinoNel caso si abbiano piu' fatture in un solo mese di prestazioni di servizi da parte dello stesso fornitore come dobbiamo comportarci con la compilazione della sezione III per quanto riguarda il numero di fattura e la data fattura? Dobbiamo compilare una riga per ogni fattura anche se il codice servizi Ŕ lo stesso ? Per paese di pagamento si intende il paese verso il quale il cliente fa al fornitore?
26/03/2010 11:36FiscoViene ricevuta merce in conto lavoro che, alla fine della lavorazione viene resa al cliente comunitario addebitando il prezzo della prestazione. Negli intra acquisti si procede a dichiarare (sezione 1) ai soli fini statistici il valore dei beni ricevuti dal cliente. A fine lavorazione la merce viene resa addebitando al cliente il valore della prestazione; negli intra vendite viene quindi dichiarato nella sezione 1, ai soli fini statistici, il valore della merce ricevuta aumentato del valore della prestazione addebitata e, nella sezione 3, il valore della sola prestazione addebitata. Il cliente restituisce la merce lavorata contestando un difetto di lavorazione per il quale chiede l'accredito immediato ed la rilavorazione dei pezzi inviati. Quel delle due seguenti procedure potrebbero essere corrette per la dichiarazione della nuova operazione? 1a. dichiarazione della nota di accredito nel modello intra vendite sia nella sezione 2 che nella sezione 4 per il solo valore della nota di accredito (prestazione accreditata) 2a. dichiarazione nell'intra acquisti del valore della merce (nuovamente) ricevuta in conto lavoro nella sezione 1 ai soli fini statistici e per lo stesso valore dichiarato in occasione del primo ricevimento 3a. dichiarazione nell'intra vendite del: - valore della merce aumentato della prestazione addebitata nella sezione 1 ai soli fini statistici - valore della prestazione nella sezione 3. oppure la seguente: 1b. dichiarazione della nota di accredito nel modello intra vendite sia nella sezione 2 (valore merce + prestazione accreditata) e 4 (solo valore prestazione accreditata) 2b. come il punto 3a. precedente.
26/03/2010 11:20DATABuongiorno Gent.mi Sig.ri, il trasporto fatturato nella stessa fattura in cui viene fatturata la merce rientra nell'intrastat di acquisto beni?Oppure no?Per esserci corrispondenza tra quanto contabilizzato e quanto dichiarato nei modelli intrastat dovrebbe rientrare insieme al valore dei beni.GRAZIE!Cordiali saluti