Leggi i quesiti / suggerimenti

Sono presenti 1300 messaggi.



Elenco dei suggerimenti pubblicati
Data Nickname Suggerimento
22/03/2010 15:55Dr.Lottiprestazione di non soggeto passivo estero, non identificato ai fini IVA nel suo paese, che compie occasionalmente prestazioni di servizi in favore di committente nazionale. Risulta un operazione non imponibile in quanto non sussiste il presupposto impositivo soggettivo, va comunque fatta un'autofattura non imponibile art.4 DPR 633/72.
22/03/2010 15:55MARCOBuongiorno,per quanto riguarda la compilazione del modello Intrastat acquisto di merci, vengono richiesti numero e data della fattura; devo inserire quelli della fattura emessa dal fornitore o quelli inerenti alla nostra registrazione nel registro acquisti? Un'altra cosa: nei servizi generici rientrano anche quelli relativi a trasporti effettuati da una ditta italiana nei confronti di una società estera? Grazie, saluti
22/03/2010 15:54giampyUna ditta dopo avere effettuato una lavorazione spedisce in Francia la merce.Emette fattura indicando sulla stessa che il pagamento dovrà avvenire tramite una banca italiana con sede in Francia la quale agendo solo da intermediaria girerà alla società italiana detto pagamento. Sul mod. INTRA 1 QUATER il paese di pagamento da indicare alla colonna 10 è FRANCIA O ITALIA?
22/03/2010 15:54Carlo" Una Società gestisce alberghi e paga compensi di agenzia ad agenti UE ed extra UE per l'intermediazione nelle prenotazioni alberghiere( cioè nel collocamento sul mercato della vendita di servizi alberghieri). Dato che l'art. 47 della Direttiva 112 si riferisce agli "Agenti immobiliari"( non meglio definiti nella bozza di Regolamento comunitario) e la lettera a) dell'art. 7-quater/633 si riferisce genericamente alle "prestazioni di agenzia" , si chiede conferma che le provvigioni pagate ad agenti UE per le suddette prestazioni relative ad alberghi situati in Italia debbano essere inquadrate nella lettera a) del c. 1 dell'art. 7-quater, come prestazioni di agenzia relative ad immobili /alloggi situati in Italia soggette ad autofattura/autoliquidazione ex art. 17/633 ma da non inserire nell'INTRA servizi ricevuti essendo disciplinte dall'art. 47 e non dall'art. 44 della Direttiva 112( come si evince dal richiamo all'art. 44 contenuto nell'art. 264,par.I, lettera a) novellata, della Direttiva n.112."
22/03/2010 15:49ROBERTO SIMONETTIOrmai ho compilato gli elenchi intrastat di gennaio e febbraio 2010 inserendo come data e numero di fattura quello del mio fornitore comunitario e non quello che gli ho assegnato nella mia contabilità secondo la mia numerazione progressiva. Infatti nelle istruzioni scaricate dal sito dell'agenzia delle dogane c'era solo scritto: "Numero fattura: indicare il numero della fattura relativa al servizio ricevuto; Data fattura: indicare la data della fattura relativa al servizio ricevuto". Penso sia inutile fare un rettificativo per questo errore diciamo insignificante giusto? Inoltre non potrei tecnicamente farlo perché non ho proprio capito come funziona la sezione IV, nel senso che i dati che immetto vanno a rettificare quelli delle sezioni III (come si fa x le merci) o li vanno a sostituire (visto che non c'è il campo "segno"?)?